Logo - La letteratura e noi

laletteraturaenoi.it

diretto da Romano Luperini

Boccaccio dei Taviani

 Sono andato a Firenze alla prima del film dei fratelli Taviani ispirato al Decameron. Ne sono uscito turbato. E’ un film molto intenso. Ed è intenso perché sa esprimere l’intensità delle emozioni e dei sentimenti, dei gesti e dei silenzi. Eravamo tutti abituati allo scetticismo, al diluvio di ironie, alla esibizione di cinismo, a una letteratura e cinematografia volutamente sporche e sapute, e qui invece c’è una opera che tende a purezza e semplicità e fa coincidere con esse la propria moralità.

I personaggi e i paesaggi sono essenziali, riportati a una assoluta elementarità.

I personaggi della novella della donna lasciata come morta e salvata dall’amante e soprattutto quelle di Tancredi e Ghismunda e del falcone sono scarnificati, ridotti a pochi atti, a poche parole, a molti sguardi e a molti silenzi. Così atti e parole, riportati alla loro autenticità elementare, sembrano recuperare significati che l’abuso retorico e pletorico che se ne fa da decenni sembravano aver cancellato per sempre.

I paesaggi toscani si sono prestati, anche nella cinematografia più recente, a una serie di belle cartoline illustrate. Qui il paesaggio ha invece la stessa impronta dei sentimenti e delle parole. E’ un paesaggio innocente, prima del diluvio. Nessun estetismo. E nessuna citazione da dipinti famosi. Colli, alberi, campi, prati è come se fossero visti per la prima volta, prima che la pittura e la fotografia li trasfigurassero.

Il film non è boccaccesco. Per quanto ne so, è il film più originale che sia stato tratto dal Decameron. Qui c’è un Boccaccio casto, di una innocenza primordiale. Agli antipodi, per esempio, rispetto a quello di Pasolini. La purezza del film esclude qualsiasi cedimento alla grossezza dell’erotismo. Il sesso qui è sempre sentimento amoroso.

Dopo tanta raffinatezza, dopo tanta ricchezza di informazione, dopo tanto saperla lunga, tanta civiltà stanca e sfinita, oppure superba e gonfia di sé (e l’eccesso di civiltà, come Leopardi sapeva, è causa del suo decadimento, una delle ragioni della peste che ci travolge), l’opera dei Taviani sembra voler riproporre una autenticità da raggiungersi non già regredendo a prima della peste ma oltrepassandola. Il ritorno alle emozioni e ai sentimenti non è frutto di incoscienza, anzi è immaginato come un passaggio difficile attraverso la peste del nostro tempo. I Taviani non ignorano l’ironia e la crudeltà del Novecento, ma proprio perché l’hanno sperimentata si pongono al di là di essa, in una zona di innocenza che è conquista non smemoratezza. Ciò si percepisce dai due tipi di recitazione che si alternano sullo schermo: quando sono in scena i novellatori della cornice essi portano ancora nel tono, talvolta quasi manierato o artefatto, le regole del mondo civile e le memorie della peste che esso ha prodotto; quando vi subentrano i personaggi delle novelle, essi parlano invece il linguaggio diretto dei sentimenti, con le sfumature, i silenzi e il pudore che i sentimenti esigono. A poco a poco però i due tipi di recitazione tendono a unificarsi: la civiltà che la comunità rappresenta, coi suoi divieti e il suo ordine, sembra recuperare l’autenticità originaria espressa dai personaggi delle novelle. I due mondi si ricongiungono. Dopo la peste i giovani torneranno in città. La vita rinascerà non già attraverso scelte anarchiche o di isolamento sociale, ma con un nuovo compromesso fra civiltà e natura.

{module Articoli correlati}

 

 

 

Commento

  • Ecocinema
    Premesso che – assieme a qualche altro più famoso di me … – non ritengo il cinema arte ma una forma espressiva al pari di un articolo di giornale o delle canzonette – con tutta l’ingiustizia che una simile concezione rinviene nei finanziamenti abnormi dalla nostra società pubblicamente e privatamente attribuiti a forme espressive non artistiche anziché all’arte o alla scienza – l’intervento in questione mi pare faccia finalmente giustizia ad un fenomeno – come quello dei f.lli Taviani – finora a rischio di rientrare nell’hegeliana categoria del Troppo Noto quanto Troppo Poco Conosciuto.
    Per motivi di tempo e di denaro non vado molto al cinema e sono tutt’altro che aggiornato ma siccome le forme espressive egemoniche t’entrano in casa che tu lo voglia o no allora ho avuto modo – fra l’altro – di farmi una qualche opinione del cinema dei Taviani. Opinione che è più o meno coincidente con quella espressa nell’intervento in oggetto. Intervento del quale vorrei sottolineare l’attenzione per ciò che pertiene alla dimensione extra-umana. Per la trattazione – non neorealistica né più in generale antropocentrica – di paesaggi e cose. Per la tendenziale trattazione degli uomini come paesaggi e cose fra paesaggi e cose. Da qui anche i silenzi rilevati dal recensore. Il cui ultimo intervento sul cinema risale se non erro al film-Oscar di Sorrentino. Lo richiamo perché Sorrentino può essere un buon termine di paragone. Per opposizione ed in negativo. E proprio per la questione del rapporto uomo-mondo. Paesaggio-paesaggio quello dei Taviani. Paesaggio insopportabilmente estetizzante quello di Sorrentino. Tanto da impedire all’uomo di avere un rapporto col paesaggio inteso come altro da sé – e quindi impedendogli di essere uomo! – proprio per mancanza di un paesaggio degno del nome – cioè non riducibile a nomi … – e di cose-cose.
    Non ho visto il Boccaccio dei Taviani e probabilmente non lo vedrò – disistimando il cinema e soprattutto quello d’ambientazione storica e soprattutto quello che specula sulla scrittura artistica – tuttavia mi sento fin d’ora di poter dire che quanto scrive Luperini per quel film vale più in generale per il cinema dei Taviani. Trovandone conferma ad esempio – fra i loro film che ho visto – nel vecchio ma sempre acuminato “Padre padrone” (1977). Un altro regista italiano – anch’egli più noto che conosciuto – a cui forse si può accostare la concezione paesaggistica dei Taviani è Luigi Comencini. Riguardiamo certe scene del suo “Pinocchio” (1972) girato nell’aspro Lazio del nord e non in Toscana probabilmente non a caso ma proprio a conferma della nostra interpretazione …
    Finendo vorrei notare come il film dei Taviani si inserisce in un frangente in cui qualche film e qualche regista passabile c’è – dopo tanto tempo ma anche senza la benché minima strutturazione di novità espressive che possano far parlare di contributi storicamente significativi: a conferma del fiato corto del cinema quale forma espressiva …
    In questi giorni s’è fatto giustizia con l’Oscar a Inarritu – forse col suo film peggiore essendo a quel che si dice un musical? non lo so non avendolo visto … “Mr. Turner” (dal regista di “Vera Drake”) ha avuto tutta la propaganda che ha avuto. Jane Campion, Tarantino, Malick, Van Sant, Reygadas (del quale segnalo “Battaglia nel cielo”) sono in piena attività.
    E dovremmo aggiungere diversi altri nomi (Audiard Coen Haneke …) facendo attenzione a non dimenticare il contributo che ormai da una ventina d’anni si sta rivelando come il più importante. Quello del cinema orientale. A cui andrebbe affiancato più genericamente quello dei registi extraeuropei. Tanti e agguerriti perché – come certi scrittori – ostacolati da quelle stesse condizioni socio-economiche che li facilitano espressivamente consegnando loro storie pugno-allo-stomaco da raccontare …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenti recenti

Colophon

Direttore

Romano Luperini

Redazione

Antonella Amato, Alberto Bertino, Linda Cavadini, Roberto Contu, Giulia Falistocco, Daniele Lo Vetere, Morena Marsilio, Luisa Mirone, Stefano Rossetti, Katia Trombetta, Emanuele Zinato

Segreteria di redazione

Giulia Falistocco

Editore

G.B. Palumbo Editore