Logo - La letteratura e noi

laletteraturaenoi.it

diretto da Romano Luperini

Auerbach senza Prin

Dopo il dialogo tragicomico sulla mutazione dell’università di Emanuele Zinato, di ieri, pubblichiamo un prezioso documento inedito: la domanda di finanziamento per una ricerca del grande filologo Auerbach e la valutazione che ne dette la commissione a ciò preposta.

Ministero dell’Università

PRIN 2022

PROPONENTE: Prof. Erich Auerbach (Università di Istanbul)

TITOLO DEL PROGETTO: Storia del realismo nella letteratura occidentale (StoReLO)

                                                         Risultati della valutazione


1. Qualità del progetto di ricerca 
a) Chiarezza ed originalità degli obiettivi del progetto: p.ti 5/10
Gli obiettivi non appaiono sufficientemente definiti: il proponente non ritiene opportuno esplicitarli all’inizio della sua ricerca. Il proposito di scrivere una storia del realismo nella letteratura occidentale risulta pertanto troppo generico.

b) Rilevanza del progetto proposto rispetto alla specifica area scientifica: p.ti 5/10
Non è chiaro quale sia l’SSD di riferimento del progetto. 

c) Congruenza della metodologia adottata rispetto agli obiettivi: p.ti 4/10
Come gli obiettivi, nemmeno i principi metodologici sono precisati: solo tangenzialmente il Principal Investigator (PI) fa riferimento a delle non meglio precisate “idee-guida” seguite durante l’indagine. La professione storicistica del PI non lo esime dal rendere manifesti i presupposti teorici del suo lavoro.

d) Posizionamento del progetto rispetto allo stato dell’arte nella specifica area scientifica: p.ti 3/10
Il progetto StoReLO difetta di riferimenti bibliografici: il fatto che il proponente non disponga, a Istanbul, di una biblioteca sufficientemente fornita è ininfluente (peraltro, si sarebbe potuto rimediare facilmente ricorrendo alla strumentazione indicata nel punto 2.c).

Punteggio parziale: 17 (su 40)


2. Composizione del gruppo di ricerca, fattibilità e congruità del progetto 
a) Eccellenza del Principal Investigator: pti. 2/10
Avendo maturato molto tardi la propria vocazione scientifica, il PI ha al suo attivo un solo libro su Dante (giustamente stroncato da Benedetto Croce) e pochi saggi su riviste (non di fascia A). Il suo profilo è, nel complesso, carente, soprattutto in rapporto all’età anagrafica. Difficilmente gli si potrebbe riconoscere la qualifica di eccellente.

b) Capacità di realizzare il progetto proposto (qualificazione, composizione e complementarietà del gruppo) : p.ti 3/10
E’ scarsamente probabile che un progetto del genere possa essere realizzato nei tempi prestabiliti dal solo PI e senza la collaborazione di un valido team di ricerca. La composizione del gruppo di ricerca, peraltro, non rispetta gli equilibri di genere.

c) Organizzazione del progetto riguardo agli obiettivi proposti, ai tempi ritenuti necessari per il completamento del progetto e alle risorse richieste: p.ti 2/10
Manca un cronoprogramma delle fasi della ricerca. Tra le risorse richieste non si fa riferimento all’abbonamento a banche dati come JStor, Brill, ecc.

d) Coerenza degli impegni temporali dei componenti del gruppo di ricerca: p.ti 3/10
L’impegno dichiarato per il progetto in termini di mesi/uomo non appare congruo rispetto all’attività didattica del PI, che appare intensa (includendo vari corsi di livello zero di lingua rivolti a studenti turchi)


Punteggio parziale: 10/40

3. Impatto del progetto, valutato in base ad uno o più dei seguenti criteri:
− avanzamento della conoscenza 
− innovazione tecnologica e/o applicazioni industriali 
− rispetto del principio del Do Not Significant Harm (DNSH) 
− comunità scientifica e il suo rafforzamento 
− internazionalizzazione della ricerca italiana 
− benessere sociale e/o sviluppo culturale 
− divulgazione della conoscenza scientifica 

Punteggio: 3 su 20.

Il Progetto non sembra sufficientemente rilevante dal punto di vista dell’innovazione tecnologica, non affronta tematiche “green”, non considera le problematiche post-coloniali di una storia del realismo vista dal proponente in chiave esclusivamente occidentale e si disinteressa completamente alle questioni di genere. Non si vede pertanto quali possano essere i benefici del Progetto sul piano dell’impatto sociale.

PUNTEGGIO TOTALE: 30/100. Il Progetto non è finanziabile.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenti recenti

Colophon

Direttore

Romano Luperini

Redazione

Antonella Amato, Alberto Bertino, Linda Cavadini, Roberto Contu, Giulia Falistocco, Daniele Lo Vetere, Morena Marsilio, Luisa Mirone, Stefano Rossetti, Katia Trombetta, Emanuele Zinato

Segreteria di redazione

Giulia Falistocco

Editore

G.B. Palumbo Editore